Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 423

Warning: session_start() [function.session-start]: Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 423

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /includes/framework.php:91) in /libraries/joomla/session/session.php on line 426
Comuni attivi

COMUNI E TERRITORI

CHE ADERISCONO AL PROGETTO

 

PIEMONTE

Amiat (il gestore di igiene urbana) e Città di Torino hano aderito a Tappo a chi?. Per il territorio sabaudo, la raccolta differenziata del sughero per il suo successivo avvio a riciclo avviene secondo due modalità operative integrate. Sul centro storico, a partire da marzo 2011, gli esercenti dei locali del Quadrilatero Romano sono coinvolti non solo nella fase di raccolta dei tappi di sughero, ma anche nella sensibilizzazione dei loro clienti e consumatori di vino sulla naturalità e riciclabilità di questo materiale.
I locali hanno ricevuto all’apertura del progetto materiale informativo sull'iniziativa e una locandina siglata Tappo a chi?.  Il sacchetto di juta targato "Tappo a chi?", da esporre per la raccolta differenziata dei tappi usati, fino al passaggio degli operatori Amiat (previsto ogni tre mesi) è un ulteriore segno di riconoscimento dei bar – enoteche – ristoranti e locali virtuosi.

Oltre alla zona del quadrilatero, anche tutti i torinesi possono portare i tappi usati (rigorosamente di sughero) presso i sette ecocentri  Amiat presenti in città, ovvero Corso Moncalieri 420/A - Via Salgari 21/A (angolo via Wuillermin) - Corso Brescia 113/A - Via Arbe 12 - Via Germagnano 48/A - Via Zini 139 e Via Gorini 20/A.
Gli ecocentri sono quasi tutti aperti dal lunedì al sabato, dalle 8 alle 18 (il punto di via arbe, che ha anche il mercatino, ha orari di apertura più estesi, e un solo econcentro è chiuso dalle 11.30 alle 13.30: consultare il sito di amiat, alla pagina degli ecocentri, è il modo più veloce per avere tutte le informazioni).

Il consorzio Covar 14 ha attivato, in accordo con Rilegno, punti di raccolta per il riciclo dei tappi di sughero, coinvolgendo diversi comuni piemontesi. I contenitori per differenziare il sughero sono nelle stazioni ecologiche di
Beinasco - Bruino - Candiolo - Carignano - Moncalieri

Orbassano - Pancalieri - Piobesi - Piossasco

Rivalta (per ora solo nell'ecocentro di Via Avigliana) -Trofarello - Villastellone e Vinovo.
Per gli orari di conferimento nei centri di raccolta, consulta il sito di Covar 14, dove si possono trovare un sacco di suggerimenti per le buone pratiche di raccolta differenziata!

Grazie all’accordo siglato fra lAmministrazione Comunale, Rilegno e ASP spa è partito anche nel Comune dell’Astigiano il progetto Tappo a chi?.

L’Ecocentro Comunale di via Ceca sarà dotato di uno spazio idoneo per la raccolta dei tappi in appositi contenitori che verranno poi trasferiti presso l’impianto che si occuperà di effettuare il riciclo.

Il Comune di Asti si impegna inoltre, in collaborazione con Rilegno ed Asp, a pubblicizzare e promuovere l’iniziativa verso una sempre maggiore consapevolezza dell’importanza di una buona raccolta differenziata.

La prima occasione in cui è stata presentata l’iniziativa è stata la famosa Douja d’Or, il Salone Nazionale di Vini Selezionati organizzato dalla Camera di Commercio di Asti, che si è svolta nel centro storico di Asti dal 10 al 19 settembre 2010. Durante la manifestazione il bancone delle degustazioni del prestigioso premio enologico è stato dotato di appositi contenitori per la raccolta dei tappi di sughero e materiale informativo sul progetto Tappo a chi?

Il progetto Tappo a chi? è attivo a partire da settembre 2010 anche nel territorio della Provincia di Asti grazie a un protocollo di intesa siglato con GAIA spa, società che gestisce tutti gli impianti per il trattamento, recupero e smaltimento dei rifiuti urbani nel bacino astigiano e che dal 2001 gestisce per conto dei Comuni Soci la convenzione per il recupero del legno.

In questo bacino di utenza sono state collocate 8 stazioni ecologiche dove sono stati posizionati altrettanti eco-box, nei quali i cittadini possono portare personalmente i tappi di sughero da riciclare:

Calliano (località Moglia), Castello di Annone (località Case Sparse),

Castelnuovo Don Bosco (località Castiglione), Costigliole,

Mombercelli, Montiglio Monferrato, San Damiano, Villanova.

Il materiale stoccato presso il Polo Trattamento Rifiuti gestito da GAIA, fino al primo carico utile per il trasporto al riciclatore.

GAIA e Rilegno realizzeranno una campagna di informazione con supporti comunicativi posizionati nei principali Comuni delle comunità collinari dove hanno sede le ecostazioni.

Il territorio di Cuneo, detta anche la "provincia granda", vanta diversi gestori di igiene urbana che hanno aderito al progetto Tappo a chi?. Per il comune di Cuneo il servizio viene svolto da CEC - Consorzio Ecologico Cuneese, che ha attivato la raccolta differenziata dei tappi di sughero nei centri di raccolta di Via della Motorizzazione (Madonna dell'Olmo), Via del Mulino (San Rocco Castagnaretta) e Via Torre Acceglio (Madonna delle Grazie). I centri di raccolta sono aperti dal lunedì al venerdi dalle 8.30 alle 12 e dalle 14 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 12. Sul sito internet di CEC ci sono anche informazioni e curiosità sul riciclo dei materiali.

L’ipercoop di Ciriè ha attivato da tempo una raccolta solidale di tappi di sughero: tutti i clienti del supermercato avevano a disposizione una teca trasparente all’ingresso, dove potevano conferire i rifiuti di sughero. L’intento era quello di avviarli a riciclo per poter destinare i proventi di questa raccolta all’associazione Volare Alto di Rocca Canavese (TO), che si occupa di dare assistenza e sostegno alle famiglie con disabili.
Quando i tappi hanno raggiunto un peso considerevole (ovvero, 1.100 kg: una quantità spropositata di tappi, se si considera che un tappo di sughero pesa all’incirca tra i 5 e i 7 grammi!) è stato il momento di attivare il protocollo di intesa con Rilegno, per garantire che questi rifiuti, raccolti con impegno, potessero raggiungere la corretta destinazione e trasformarsi in rinnovata materia prima. Il sughero usato non è rifiuto inutilizzabile, anzi: ha come destino quello di diventare in prevalenza granulato e pannello isolante usato in bioedilizia.
Sulla base dell’accordo “Tappo a chi?” con il consorzio Rilegno, tutti gli attori hanno preso degli impegni: il consorzio Cisa – Ciriè ha messo a disposizione contenitori per la raccolta dei tappi nei centri di raccolta comunali del territorio servito. L’ipercoop di Ciriè continua ad avere la teca trasparente per la raccolta dei tappi portati dalla clientela. Rilegno garantisce che i tappi vengano consegnati alla cooperativa Artimestieri di Boves (CN), unico riciclatore in Italia autorizzato al trattamento dei rifiuti di sughero, che li trasforma in granulato e pannello isolante.

I proventi di questa raccolta solidale vanno all’associazione Volare Alto di Rocca Canavese (TO), per sostenere il progetto di realizzazione di case di accoglienza “Mai soli”.
E domani? Ci vuole l’impegno di tutti per continuare a sostenere le raccolte e l’associazione. Raccogliere tappi di sughero è e rimane un’esperienza di raccolta solidale: l’aiuto di tutti è garanzia della buona riuscita del progetto. Rivolgetevi agli operatori in servizio presso i centri di raccolta (vedi elenco) per sapere dove consegnare il sughero usato. E soprattutto… continuate a raccogliere!


I PUNTI DI RACCOLTA
Per la raccolta dei tappi di sughero i contenitori sono, oltre che all’ingresso dell’Ipercoop di Ciriè in via Robassomero 99, anche all’interno delle ecostazioni di:

Ciriè in C.so Gen. C. A. Dalla Chiesa s.n.c.
San Carlo Canavese in Strada Poligono s.n.c .
San Maurizio Canavese in Strada Malanghero s.n.c.
Fiano Torinese in Via Gerbidi s.n.c.
Cantoira in località Roc Carà s.n.c.
Grosso in Località Vauda Grande s.n.c.
Givoletto in via Alpignano s.n.c.
Vauda in Strada Provinciale per Vauda Inferiore s.n.c.
Nole in Via Monea s.n.c.
Lanzo Torinese in Via Monte Angiolino s.n.c.

Info tel Numero verde Cisa 800 071 302 Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - sito internet www.cisaweb.info

Il Consorzio Ecologico Cuneese si occupa della raccolta differenziata dei materiali anche in alcuni comuni della provincia di Cuneo. Di questi, hanno aderito al progetto Tappo a chi? per la valorizzazione dei tappi di sughero usati i comuni di

Borgo San Dalmazzo - Boves - Busca - Caraglio - Centallo

Chiusa di Pesio - Demonte - Dronero - Limone Piemonte

Montanera - Peveragno - Roccavione.

Presso i centri di raccolta comunale si possono consegnare i rifiuti di sughero che verranno avviati al riciclo grazie al lavoro della cooperativa Artimestieri di Boves (CN) - vedi alla pagina dei riciclatori

La sensibilizzazione del territorio cuneese alla raccolta dei tappi di sughero si dimostra anche attraverso il vasto coinvolgimento dei suoi comuni. COABSER, gestore di igiene ambientale sul territorio provinciale, ha siglato l'accordo con Rilegno per aderire al progetto Tappo a Chi? e avviare a riciclo i tappi con il contributo di Artimestieri. I cittadini dei comuni di

Alba - Bra - Canale - Cherasco - La Morra

Montà - Neive - Santo Stefano Belbo e Sommariva Bosco

possono portare i tappi usati presso le stazioni ecologiche autorizzate alla raccolta.

Con il contributo di RIlegno, poi, i tappi saranno consegnati ad Artimestieri che li trasformerà in rinnovata materia prima per le lavorazioni della bioedilizia.

in aggiornamento

 

LOMBARDIA

in aggiornamento

Il 22 novembre a Bergamo  è stata presentata l’esperienza del progetto Tappo a chi? come best practice nell’ambito della raccolta differenziata dei rifiuti.

L’intervento è avvenuto nel corso di una delle diverse conferenze promosse dal Comune di Bergamo in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti (dal 20 al 28 novembre).

Lo scopo principale della Settimana – promossa dall’Unione Europea (il sito ufficiale italiano qui) è quello di promuovere, tra i cittadini, una maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente.

La raccolta differenziata del sughero è uno degli interventi ‘nuovi’ attivati dal Comune in collaborazione con il gestore di igiene ambientale Aprica: insieme hanno scelto di aderire al progetto di Rilegno. Da oggi  dunque anche per i bergamaschi è possibile avviare a recupero il sughero portando i tappi usati alla stazione ecologica attrezzata della zona.

Il consorzio Broni - Stradella ha attivato , in accordo con Rilegno, sul territorio dei comuni di Broni e  Stradella (Pavia) la raccolta finalizzata al riciclo dei tappi di sughero. CI sono dunque contenitori presso le isole ecologiche di Broni – Loc. Pirocco e di Stradella – Loc. Gioiello dove i cittadini e gli esercenti commerciali possono portare (tecnicamente "conferire"), senza alcun onere, i tappi di sughero usati perché vengano avviati a riciclo.
L'isola ecologica di Broni - Località Pirocco è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16 e il sabato dalle 8 alle 13 (telefono 0385 245391); quella di Stradella - LOcalità Gioiello è aperta con i medesimi orari e giorni (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 16 e il sabato dalle 8 alle 13) ma risponde al telefono 0385 245452.
Maggiori informazioni per il conferimento dei rifiuti in modo differenziato si trovano sul sito della Broni - Stradella Spa (www.bronistradellaspa.it/ambientali/piattaforme.html)

Il materiale raccolto verrà consegnato alla cooperativa Artimestieri di Boves (CN), che è riciclatore autorizzato e cooperativa sociale di tipo B.

 

VENETO

in aggiornamento

EMILIA ROMAGNA

in aggiornamento

TOSCANA

Ad Arezzo il progetto Tappo a chi? è attivo grazie alla collaborazione attiva di Aisa Spa, società che gestisce i servizi pubblici di igiene ambientale della città di Arezzo, che a partire da fine maggio scorso ha collocato due contenitori per la raccolta dei tappi di sughero, della capacità di 120 litri ciascuno, nei due Centri di Raccolta Tramarino e Mulinaccio. Grazie all’accordo con Rilegno, Arezzo diventa la prima realtà del Centro Italia ad avere avviato il progetto per la raccolta e il riciclo dei tappi di sughero. Ogni cittadino è chiamato a collaborare alla buona riuscita del progetto, raccogliendo i tappi usati e portandoli presso i due Centri di Raccolta. Rilegno provvede poi a coordinare l’avvio al recupero dei tappi raccolti, garantendone il conferimento al riciclatore. “Questo è un progetto etico ed ecologico, e per questo è un progetto che premia – dichiarano da Aisa - Infatti, ai cittadini che raccolgono i tappi di sughero usati e li portano ai Centri di Raccolta, vengono accreditati 30 ecopunti per ogni kg di materiale conferito tramite Eco-card. Questo dà la possibilità di accedere a premi, incentivi e sconti in fattura. Abbiamo dato il valore massimo di ecopunti per kg al sughero per sottolineare l’importanza dell’inserimento di persone diversamente abili in un ciclo produttivo attento all’ambiente e al recupero di materie prime”